Il presidente del Consiglio Europeo Van Rompuy dichiara guerra totale all’evasione fiscale

Herman Van Rompuy (Getty Images)

La lotta all’evasione fiscale sarà messa come priorità nell’agenda del prossimo vertice tra capi di Stato e di governo europei, previsto per maggio. A renderlo noto il presidente del Consiglio europeo, Herman van Rompuy, dal suo profilo su Twitter. “Ho deciso di mettere l’evasione fiscale in agenda. Bisogna cogliere lo slancio politico attuale”.

Van Rompuy ha dipinto l’evasione fiscale come un fenomeno dalle grandi proporzioni: “Ogni anno circa 1.000 miliardi di euro vengono persi a causa dell’evasione e dell’elusione fiscale”. Per il massimo esponente del Consiglio europeo, si tratta di un fenomeno “ingiusto sia per i cittadini, che per le imprese” che rappresenta inoltre “un serio problema per ogni stato membro”, soprattutto “per i paesi che devono risanare le finanze pubbliche”.

“Non si possono tollerare compiacenze” nella lotta all’evasione fiscale, ha detto ancora Herman Van Rompuy, nel videomessaggio pubblicato su Twitter. Van Rompuy poi ha sottolineato “i segnali positivi da diversi paesi per combattere frontalmente l’evasione fiscale e risolvere la questione del segreto bancario”.

Il videomessaggio su Twitter pubblicato da Van Rompuy per annunciare il vertice del prossimo 22 maggio inaugura probabilmente una nuova fase della strategia di comunicazione del Consiglio Europeo.

 

Redazione online