Montezemolo alla stampa: “Ecco la formula Ferrari”

Luca Cordero di Montezemolo (Photo by Manuel Queimadelos Alonso/Getty Images)

Il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo ha aperto le porte di Maranello per illustrare quella che ha definito “la Formula Ferrari”. “C’è un regno di efficienza e di passione, i motori che nascono nel verde delle oasi ecologiche, c’è un’attenzione maniacale per la sostenibilità, la riduzione dei consumi e delle emissioni nocive «senza rinunciare e anzi incrementando le prestazioni e il piacere di guida” – ha spiegato il presidente della Ferrari, citato da “La Stampa”.

Montezemolo ha voluto sottolineare come il marchio Ferrari sia leader assoluto a livello planetario, meglio di Apple e Coca Cola come ha certificato la prestigiosa Brand Finance britannica, affermando: “Oltre alle persone, nostro primo patrimonio, ci sono qualità ed esclusività, c’è la voglia di migliorare sempre, mettersi in discussione e accettare le sfide. Noi lo facciamo anche nello sport, dove l’esame è universale e continuo, la F1 è il nostro centro ricerche più avanzato”.

Il presidente della Ferrari ha poi snocciolato alcuni dati: “Abbiamo 3 mila dipendenti con una forte percentuale di stranieri che ci aiutano a crescere leggendo l’evoluzione di mondi diversi, collaboriamo con celebri università e quest’anno assumeremo 250 nuovi addetti, tutti formati con corsi individuali, con un incremento del 20% di forza lavoro tra gli operai. Una bella notizia, spero che sia di buon auspicio per il Paese. L’Italia rappresenta oggi meno del 5% delle nostre vendite, causa le dissennate e masochistiche scelte fiscali governative, però cresciamo nel mondo”.

“Quest’anno venderemo meno delle oltre 7 mila vetture dell’anno scorso. Ma è una scelta nostra, condivisa dall’azionista” – ha concluso Montezemolo – “Vogliamo preservare il marchio e non inflazionarlo, me l’ha insegnato Enzo Ferrari. Rallenteremo la produzione anche se nel primi 4 mesi la crescita è stata del 4% con 1.800 auto vendute, senza ancora LaFerrari, i ricavi sono saliti dell’8% e il profitto netto di oltre il 36%. Preservando il sogno esclusivo, faremo utili maggiori a fine anno. Le nostre macchine vanno desiderate come una bella donna, la differenza è che non deludono mai”.

Redazione online