Afghanistan: truppe italiane sventano un attentato devastante

Soldato italiano (Getty Images)

Si sarebbe conclusa nei giorni scorsi un’importante operazione di controllo del territorio, condotta dai militari italiani del Regional Command West di stanza in Afghanistan, che avrebbe portato al ritrovamento di un’improvvisata ma potentissima bomba. La notizia viene data dal portale Tmnews, che cita una nota del contingente italiano, secondo la quale l’operazione sarebbe stata condotta dalla compagnia del Sesto reggimento bersaglieri in forza presso la Transition Support Unit South di stanza a Farah, nella parte occidentale del Paese.

L’operazione, fa sapere il contingente italiano, sarebbe stata avviata di concerto con specialisti del Secondo reggimento genio di Trento e di un’analoga unità statunitense che, dopo aver acquisito informazioni su una possibile attività sospetta ad opera di alcuni ribelli non ancora identificati, sono intervenuti per scongiurarlo.

Dopo aver scoperto il potente ordigno e aver assicurato un perimetro di sicurezza idoneo al fine di scongiurare il coinvolgimento di eventuali civili, gli artificieri del Secondo reggimento genio di Trento hanno provveduto al disinnesco della carica principale e delle altre cariche secondarie disposte nelle vicinanze della prima, queste ultime destinate a colpire anche gli eventuali soccorritori delle vittime della prima esplosione.

Redazione online