Beppe Grillo fa il verso a Gaber: “Cos’è la destra? Cos’è la sinistra?”

Beppe Grillo nel giardino della propria abitazione a Genova (Giuseppe Cacace/AFP/Getty Images)

Il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, dopo aver ‘rivisto’ il brano “Dio è morto” di Francesco Guccini, in occasione del 25 aprile di quest’anno, ci riprova con una rivisazione di un noto brano di Giorgio Gaber, perché, spiega il comico genovese, “il MoVimento 5 Stelle non è di sinistra (e neppure di destra). E’ un movimento di italiani. Non vuole fare ‘percorsi insieme’ a chi ha rovinato l’Italia. Pesi a bordo non ne vogliamo. Pd, Sel o Pdl, questi o quelli, per me pari sono”.

Nel ritornello, Grillo ‘canta’: “L’ideologia, l’ideologia non credo ancora che ci sia è un paravento per fottere la gente. Il MoVimento è sopra e oltre e parla agli italiani, non ai piddini o ai berlusconiani”. Il brano ne ha per tutti: “Gridare Forza Italia alle partite di pallone ha un gusto un po’ di destra ma portare una canoista al governo, un po’ tedesca, è da scemi più che di sinistra. Ma cos’è la destra cos’è la sinistra”.

Il comico genovese ne approfitta per continuare la propria battaglia personale contro i giornalisti: “Tutti i talk show sono di giornalisti a libro paga, sia di destra che di sinistra”. E sulla Tav in Val di Susa, “è un segno di sinistra, con i manganelli e i fumogeni sono andati verso destra. I pensionati in piazza per Berlusconi sono po’ di destra quando sono iscritti al sindacato sono anche di sinistra”.

L’invettiva di Grillo, infine, non risparmia nemmeno il Pontefice: “Anche il Papa ultimamente è diventato qualunquista e un po’ populista, dice di pensare agli ultimi e non alle banche che siano di destra o di sinistra. Lo Stato che ha trattato con la mafia è uno Stato di m…a, da vent’anni la stessa puzza a destra come a sinistra .La legge elettorale Porcellum è stata partorita dalle scrofe di destra
però con l’aiuto dei verri di sinistra”.

Redazione online