Rissa verbale tra Osvaldo e Andreazzoli, l’attaccante: “Vai a festeggiare con la Lazio”

Osvaldo (Getty Images)

E’ “guerra fredda” in casa Roma. Non è bastata la sconfitta nella finale di Coppa Italia tra Lazio e Roma a destabiliazzare l’ambiente giallorosso. Anche Osvaldo e il tecnico Andreazzoli hanno gettato benzina sul fuoco provocando una rissa verbale senza limiti

L’allenatore è stato insultato a fine partita dal centravanti della nazionale italiana e in mattinata  ha replicato: “Osvaldo non è nuovo a queste scene sotto le telecamere, poi magari nel privato ha comportamenti un po’ piagnucolosi. E’ un problema suo, non mio”.

Ha risposto subito e  duramente via twitter dando al suo allenatore dell’incapace e invitandolo ad andare a festeggiare con la Lazio.

Andreazzoli ha continuatp il batti e ribatti  usando parole non  buone per l’attaccante: “Sono comportamenti che derivano da un calciatore che rappresenta anche l’ambito della Nazionale dove etica e giusti comportamenti sono capisaldi da perseguire, ma ripeto è un problema suo”.

E’ già tempo di pensare al futuro: “Non abbiamo ancora parlato con Pallotta e Baldini del mio futuro, ma avremo tutto il tempo per farlo. Noi ci incontriamo oggi e ne discuteremo”, ha rivelato l’allenatore ai margini della consegna dei premi Ussi al Circolo Canottieri Aniene.

“L’amarezza della nottata non ha portato via nulla, tutto è rimasto del fine gara di ieri sera. Ci vorrà un po’ di tempo per digerire la situazione che non era nella migliore delle ipotesi quella preventivabile. Ma non sono deluso dall’impegno che hanno profuso i giocatori, potevamo senz’altro fare meglio sotto l’aspetto tecnico – le parole del tecnico – Avevamo un’idea su come controbattere la Lazio ma non siamo riusciti a perseguirla, però di sicuro non è mancata la voglia di battersi in campo”.

Redazione Online