L’ultimo addio a Little Tony, tanti i volti noti per salutare ‘il ragazzo col ciuffo’

Little Tony nel 1967 (Foto da Wikipedia, pubblico dominio)

Si sono conclusi poco fa i funerali del cantante Little Tony, scomparso lunedì scorso all’età di 72 anni dopo aver lottato contro un male incurabile. Il feretro è arrivato presso la chiesa del divino amore di Roma, accompagnato da dieci Ferrari, intorno alle 9.45. Ad accoglierlo, tanti amici e personaggi famosi, tra cui Fiorello, Manuela Villa, Renato Zero, Mara Venier, Albano e i Cugini di Campagna. Presente anche molta gente comune.

Non poteva mancare il suo agente discografico storico, Pasquale Mammaro, che nelle scorse ore aveva raccontato: “Quando stava male Tony non voleva farsi vedere da nessuno. Voleva essere ricordato com’era prima della malattia. Non era pienamente consapevole della sua situazione ma con me parlava già al passato. Quando domenica mattina mi hanno chiamato, lui era già in coma ma il suo cuore matto batteva così forte che ha resistito per 15 ore. È morto ascoltando il suo grande mito Elvis”.

Presente per l’ultimo saluto anche l’amico-rivale di una vita, Bobby Solo, che in un’intervista al ‘Messaggero’ di ieri si era lasciato andare a ricordi inediti sul loro rapporto: “Ci siamo divisi i ruoli con grande amicizia e solidarietà. Lui era una sorta di fratello maggiore. Ricordo un Natale, era l’83, quando mi chiamò alla vigilia. Ero solo e mi invitò a casa sua, per il cenone. Io gli portai un panettone in regalo. Lui mi fece trovare una chitarra Gibson Jumbo. ‘E’ un regalo per il mio psicanalista’ disse. Si riferiva al fatto lo avevo consolato dopo una storia d’amore andata a male. Ci soffriva con le donne. Una volta gli venne perfino un’ulcera”.

Redazione online