Enrico Letta: “Tagliare le tasse per creare lavoro è la priorità”

Enrico Letta (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Intervenendo al Festival dell’economia di Trento, il presidente del Consiglio Enrico Letta ha affermato che la “riduzione delle tasse sul lavoro per creare” nuovi posti e far diminuire la disoccupazione è la priorità di questo governo. Altro obiettivo è “far scendere la disoccupazione giovanile nei prossimi anni, possibilmente sotto il 30%”, perché “il 38% è inaccettabile”.

Letta ha poi parlato del prossimo Consiglio Europeo: “Se avessi la bacchetta magica per fare una cosa sarebbe far calare il drammatico dato sulla disoccupazione giovanile. Se facciamo questo c’è speranza per il futuro e fa sì che anche le famiglie ritrovino fiducia. Ho intenzione di andare al vertice del 27-28 giugno dell’Unione Europea, dopo aver già ottenuto che si occupi del tema della disoccupazione giovanile, dicendo che ci devono essere misure concrete, applicabili già dai prossimi mesi, con soldi europei in più e ogni paese libero di fare le sue scelte”.

Il premier ricorda poi che l’ultima elezione del Presidente della Repubblica ha mostra “la fatica” della nostra democrazia: “Non potremmo più eleggere il presidente della Repubblica con quella modalità. Quella settimana di metà aprile è stata una settimana drammatica per la nostra democrazia”.

Enrico Letta ha anche parlato di ‘un’agenda digitale per il Paese’, “una missione a cui tengo molto. Il motore di questa missione sarà Palazzo Chigi che sarà dotata di strumenti leggeri, ma cercherà di connettere tutti coloro che in Italia possono fare da acceleratore sul fronte delle start up e dell’innovazione dove il nostro paese è appunto in ritardo. Dobbiamo lavorare tutti assieme per recuperare questo ritardo”.

Infine sull’Imu: “La riforma dell’Imu è un tema su cui abbiamo una scadenza e che era dentro ai programmi di tutti i partiti alle ultime elezioni politiche. Rispetteremo la scadenza del 31 agosto per fare la riforma delle tasse sulla casa”.

Redazione online