Afghanistan: kamikaze si fa esplodere vicino una scuola, almeno dieci i morti

L'attacco a Kabul in cui è rimasta ferita la funzionaria italiana (MASSOUD HOSSAINI/AFP/Getty Images)

Secondo quanto sostiene il capo della polizia della provincia di Paktia, Zalmai Uriakhail, “nove bambini e un agente di polizia sono morti” nell’attentato suicida compiuto da un kamikaze a bordo di una motocicletta nei pressi di una scuola della provincia sud-orientale afghana. “Altri 16 civili e due soldati della coalizione sono rimasti lievemente feriti”, ha detto lo stesso funzionario di polizia.

Obiettivo dell’attentato, che rientra in un quadro di violenti attacchi contro le forze militari di stanza in Afghanistan dal 2001, erano appunto i soldati internazionali e le forze di sicurezza locali; sembrerebbe infatti che il motociclista attentatore volesse colpire la pattuglia militare statunitense fuori dal mercato nel distretto di Samkani. I bambini coinvolti e uccisi nell’esplosione si trovavano lì in pausa pranzo.

Altre agenzie di stampa parlano di almeno dieci bambini morti e di una ventina di feriti in maniera più o meno grave.

Qualche giorno fa, i servizi segreti afghani avevano annunciato di essere riusciti a sventare un piano di attacco a Kabul, arrestando sei aspiranti kamikaze della rete degli Haqqani, una delle più pericolose tra quelle facenti riferimenti a rivoltosi e insorgenti afghani.

Restano intanto sempre gravi le condizioni della funzionaria italiana ferita una decina di giorni fa a Kabul, Barbara De Anna, che è stata trasferita nell’unità ‘Grandi ustionati’ tedesca di Ludwigshafen, località vicino a Mannheim.

Redazione online