Enrico Letta: “Questo governo fino a fine legislatura? Perché no?”

Enrico Letta (Foto: ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Intervistato da Lilli Gruber durante la trasmissione ‘Otto e mezzo’, Enrico Letta ha affermato: “Il governo può durare tutta la legislatura: quattro anni e dieci mesi. Perché no?”. Il premier ha poi sostenuto la necessità di nuove misure per il lavoro: “Già nell’esercizio 2013, ed è lo sforzo più difficile, vogliamo dare un segnale di defiscalizzazione e decontribuzione per le imprese che vogliono assumere i giovani, perché è una vergogna una disoccupazione al 38%”.

Poi una battuta: “Da quando sono premier mi pesa non andare in giro in motorino. Essere premier è un privilegio e un onore. Spero che questi sacrifici non siano troppo forti per i miei figli che un po’ si lamentano. Per fortuna mia moglie mi sta dimostrando una vicinanza straordinaria”.

Letta ha anche attaccato la Germania: “Non faremo più debiti, ma senza una politica europea dei consumi e della crescita l’Europa rimane al palo. I tedeschi per primi lo devono capire. E’ chiaro a tutti che l’era della sola austerità non basta. Ma non vuol dire che si fa festa”. Poi sulla disoccupazione giovanile, ha affermato: “Il 38% dei giovani italiani che non studiano e non lavorano è una vergogna per il paese”.

Il premier ha anche difeso Enrico Bondi sulla vicenda Ilva: “È lì da 2 mesi e non è responsabile delle vicende precedenti ma conosce la situazione e può agire. E poi non è esproprio perché è temporaneo e i soldi erano già stati bloccati dalla magistratura ma si tratta di far sì che le bonifiche avvengano. La scelta di far bonifiche mantenendo produzione è la migliore e siamo intervenuti quasi in tempo reale. E’ un dl equilibrato e fatto in dialogo con la magistratura”.

Sui fatti di Terni, Letta ha affermato di essere in contattato con il minitro degli Interni Angelino Alfano perché “non dovrà più accadere” e ha sostenuto: “Stamattina è successo un fatto grave, non può assolutamente accadere, ho parlato con il sindaco e mi sono scusato con lui”.

Poi un commento su Matteo Renzi: “Penso che Renzi possa fare bene il segretario del Pd così come lo può far bene Epifani, che sta dando una grande mano al Governo. Io, comunque, mi occupo del Governo”. Infine, Letta ha detto la sua sui processi che riguardano Silvio Berlusconi: “Ci possono essere eventi esterni ma io non ho paura degli effetti sul governo, tutti stanno lavorando di lena, c’è armonia e un buon lavoro di squadra tra i ministri e questo è un buon segnale dopo anni di governi litigiosi”.

Redazione online