Soldato morto in Afghanistan, l’attentatore avrebbe 11 anni

Contingente italiano in Afghanistan (Getty Images)

Sarebbe stato un ragazzino di undici anni a lanciare, stamattina, l’ordigno nei confronti del contingente italiano a Farah, uccidendo così il capitano dei bersaglieri Giuseppe La Rosa. Ad affermarlo sono stati i talebani, secondo i quali “a compiere l’agguato è stato un eroe di 11 anni”.

Tanti intanto i messaggi di cordoglio arrivati da entrambe le parti politiche, oltre a quelli del capo dello Stato Giorgio Napolitano, del premier Letta, del suo vice Alfano e del ministro della Difesa Mario Mauro. Nel Pdl, Deborah Bergamini ha espresso “gratitudine per tutti coloro che sono impegnati in missioni”. La parlamentare, che si è detta vicina ai familiari del soldato ucciso, ha aggiunto: “Continuiamo a pagare ad un prezzo davvero molto alto e doloroso un impegno fondamentale per la stabilizzazione democratica di Kabul”.

Maurizio Lupi, su Twitter, scrive: “Credo che anche questo sia il modo in cui si può servire il proprio Paese: si può perdere la propria vita per costruire la pace”. Gli fa eco Roberto Formigoni: “Un altro soldato italiano ucciso e tre feriti in Afghanistan. È sempre più pesante il tributo di sangue pagato dai nostri militari per la pace”.

Sonia Alfano, presidente della Commissione Antimafia Europea, ha affermato: “Con la perdita di Giuseppe La Rosa, viene profondamente colpita la parte migliore di Barcellona Pozzo di Gotto, città alla quale sono molto legata. Se ne va un giovane soldato, impegnato in una missione tutt’altro che di pace. Non voglio certamente fare polemiche, ma mi sia consentito di manifestare tutta la mia vicinanza ed il mio affetto ai genitori di Giuseppe, colpiti dal dolore più grande”.

I senatori del Pd Vito Vattuone e Carlo Pegorer in una nota scrivono: “Esprimiamo solidarietà ai militari feriti questa mattina in Afghanistan e in questo momento di dolore ci stringiamo alla famiglia del soldato che ha perso la vita durante l’attentato. I soldati italiani impegnati in missione pagano un tributo altissimo per servire il nostro Paese e nel rinnovare il sostegno al loro impegno chiediamo che il ministro Mauro venga al più presto nell’aula del Senato per riferire sull’attentato che anche questa mattina ha colpito al cuore le nostre forze armate”.

Redazione online