Imu sulla prima casa, Zanonato: “Va riorganizzata, non abolita”

Flavio Zanonato (screenshot SkyTg24)

Intervenendo a margine di un convegno a Verona, il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, è tornato a parlare di Imu, dopo le prese di posizione a favore del mantenimento della tassa sulla prima casa da parte del Fondo Monetario Internazionale. Ha detto il ministro: “Bisogna riorganizzare queste imposte e non semplicemente eliminarle, perché sono quattro miliardi che bisogna trovare”.

Ha proseguito Zanonato: “Abbiamo un programma molto chiaro sull’Imu che è stato annunciato nel programma quando Letta si è insediato. Quello è il programma e quello rimane. Non si contraddirà questo tipo di impostazione”.

Immediata la replica del senatore del Pdl Maurizio Gasparri: “Sulla prima casa l’Imu va eliminata. Il governo non si faccia intimorire da quelli del Fmi, noti più per gli scandali che per l’efficienza. E parli chiaro. Che significa riorganizzata? Il compito del ministro Zanonato è fare gli interessi degli italiani, non l’usciere del Fmi”.

Ieri l’esponente del Pdl Augusto Minzolini aveva attaccato su Twitter: “Il Fondo Monetario Internazionale dice che non è equo cancellare l’Imu prima casa. Perchè stupirsi? Il Fmi non ha mai risolto problemi, ma affamato mezzo mondo”.

Sulla vicenda Imu scende in campo anche Bruno Tabacci, leader del Centro Democratico: “Bene fa il Premier Letta a insistere sul punto della necessità di riformare l’Imu e non di abolirla. Detto questo, non possiamo fermarci qui. Senza una vera lotta all’evasione avremo sempre un bilancio pubblico in apnea e non si potrà mai abbassare la pressione fiscale, a cominciare da quella sul lavoro, che, come testimonia anche Bankitalia, è ormai su livelli insostenibili”.

Ha proseguito Tabacci: “Prendo atto che finalmente si fa strada l’introduzione del contrasto d’interessi nel nostro ordinamento fiscale. In passato prima Visco e poi Tremonti avevano osteggiato le mie proposte in materia, mentre ora Pd e Pdl sembrano aver cambiato idea. Il Parlamento dia rapidamente la delega al governo per intervenire e si cominci finalmente a far pagare le tasse anche a chi non le paga per ridurre il carico fiscale sui contribuenti onesti”.

Secondo il vice ministro dell’Economia Stefano Fassina, infine, sarebbe “utile cancellare l’Imu sulle prime abitazioni di valore basso o medio”. Fassina, intervenuto in un convegno a Milano, ha sostenuto: “Le misure su Iva e Imu devono tenere conto della priorità di sostenere le famiglie in difficolta. Imu e Iva sono priorità per questa stagione politica estiva. Il governo Letta ha preso degli impegni programmatici che dobbiamo portare a termine”.

Redazione online