Governo Letta, si è concluso il vertice di maggioranza

Enrico Letta (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Si è concluso dopo circa due ore l’atteso vertice di maggioranza convocato dal Presidente del Consiglio Enrico Letta per provare a tracciare un bilancio rispetto a due dei temi che tengono maggiormente banco nel dibattito politico, vale a dire la riforma dell’Imu e il blocco dell’aumento dell’Iva. Nonostante il momento negativo che sta attraversando il governo, soprattutto a causa delle pressioni da più parti per chiedere le dimissioni del ministro degli Interni Angelino Alfano per il caso Shabalayeva, ieri Letta rientrando da Londra aveva commentato: “Non ho mai scommesso in vita mia, non scommetto per definizione ma non vedo su questo tema nubi all’orizzonte”.

Al vertice hanno partecipato, oltre al premier Letta, il vicepremier e ministro dell’Interno, Angelino Alfano, il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, quello per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, quello per gli Affari regionali, Graziano Delrio, e i capigruppo di maggioranza, tra i quali quello di Scelta Civica alla Camera, Lorenzo Dellai, e del Misto, Pino Pisicchio.

Proprio questi ultimi due si sono espressi sulla tenuta della maggioranza. Il primo, giungendo al vertice, si è fermato coi cronisti e ha così commentato il caso della moglie del dissidente kazako: “È importante tenere il governo al riparo da speculazioni. C’è stata una prima ricostruzione dalla quale é emerso che il ministro Alfano non era a conoscenza dei dettagli, anche importanti, e una seconda parte annunciata dallo stesso ministro per i prossimi giorni. Ogni altra considerazione dovrà essere fatta dopo che il Senato avrà, come spero, confermato che c’é una larga fiducia in questo governo”.

Al termine del vertice, ha invece rassicurato Pino Pisicchio: “Il clima è stato sereno e positivo. Non mi fate dire altro, ci sarà a breve una dichiarazione del premier Enrico Letta”. E sul caso Shabalayeva: “Non abbiamo proprio toccato l’argomento”.

Redazione online