Cotto e mangiato in Gb il primo hamburger sintetico

Hamburger (Julian Finney/Getty Images)

Cotto e mangiato in diretta in uno studio televisivo di Londra il primo hamburger ‘sintetico’, che sarebbe stato realizzato grazie alle cellule staminali di un mucca, sviluppate in vitro per ottenere 140 grammi di manzo. Ciò che manca all’hamburger, messo a punto dal ricercatore olandese dell’università di Maastricht, Mark Post, già denominato Mister Frankenburger, è però il sapore.

Assaggiandolo, infatti, due critici culinari, l’americano Josh Schonwald e l’austriaca Hanni Ruetzler, hanno sostenuto: “Si avvicina alla carne ma non così succulento. La consistenza è perfetta ma me l’aspettavo più soffice”.

Ha spiegato Post al ‘The Guardian’ che “le mucche hanno bisogno di 100 grammi di proteine vegetali per produrre solo 15 g di proteine animali commestibili. Quindi abbiamo bisogno di usare moltissimo cibo per nutrirle, per poi nutrirci della loro carne. Con la carne coltivata non bisogna uccidere la mucca e in più non viene prodotto metano”.

Redazione online