Mercato auto: segnali di ripresa, ma non in Italia

    automobili
    Uno stabilimento Fiat (Foto: DONATO FASANO/AFP/Getty Images)

    Il mercato automobilistico europeo, secondo quanto si evince dagli ultimi dati diffusi da Eurostat, mostra segnali di ripresa ovunque, tranne che in Italia. La Vda, Associazione tedesca dell’industria automobilistica (Vda), ha sostenuto inoltre che le immatricolazioni di auto nuove in Europa a luglio hanno segnato un aumento del 4,9%, arrivando a sfiorare il milione di auto vendute, spinte dalla forte ripresa di Spagna, Portogallo, Grecia e Gran Bretagna. E’ la seconda volta nel corso dell’anno che ilmercato auto in Europa conosce un segno positivo, anche se nel complesso fino a oggi si registra un calo di 7,19 milioni di immatricolazioni.

    Sono dati importanti, in attesa di quelli ufficiali e più complessi dell’Acea, l’Associazione europea delle case automobilistiche, che verranno pubblicati a metà settembre. Secondo il presidente della Vda, Matthias Wissman, che ha rilevato che “la ripresa economica che si delinea in Europa occidentale si riflette anche nell’evoluzione della domanda di auto”, quello segnato il mese scorso “è un buon inizio per la stabilizzazione del settore auto, che prevediamo continuerà nella seconda parte dell’anno”.

    Salgono dunque le immatricolazioni in Paesi falcidiati dalla crisi come Spagna, che segna un +15%, Portogallo (+17%) e Grecia (+12%), ma anche in Gran Bretagna (+13%), mentre in Italia il trend resta negativo, seppur sensibilmente migliore rispetto ai mesi precedenti: -2%. Praticamente stazionaria, invece, la vendita di auto in Francia (+1%) e Germania (+2%). Il ministero dei Trasporti italiano ha indicato che la flessione di luglio in italia è stata dell’1,92% contro il -5,1% di giugno.

    Redazione online