Egitto, nominata la nuova guida provvisoria dei Fratelli Musulmani

Mohammed Badie (MAHMUD HAMS/AFP/Getty Images)

Dopo l’arresto di Mohamed Badie, i Fratelli Musulmani hanno subito nominato Mahmud Ezzat alla guida provvisoria della Confraternita; il nuovo capo provvisorio, nato nel 1944, padre di 5 figli e noto come “la volpe della Confraternita”, è stato arrestato più volte per adesione a una formazione illegale quando l’Egitto era governato da Hosni Mubarak. Ezzat era attualmente segretario generale della Confraternita e aveva in passato ricoperto ruoli di intelligence.

Badie stato arrestato questa notte al Cairo in un blitz delle forze dell’ordine che avrebbero inoltre messo in manette anche Youssef Talaat, il portavoce dell’Alleanza nazionale per la difesa della legittimità che raggruppa i movimenti a sostengno del presidente deposto Mohamed Morsi.

Secondo fonti locali, il leader dei Fratelli Musulmani possedeva una certa somma di denaro in valuta straniera, diversi telefoni cellulari e almeno due personal computer; con lui si trovava – dice il quotidiano ‘El Watan’ – uno dei leader di Hamas in esilio.

Un comunicato del ministero degli Interni ha reso noto che l’arresto è stato effettuato “raccogliendo una serie di informazioni sui suoi movimenti”. Badie è ora recluso nella casa circondariale di Torah Mahkoum, all’estrema periferia meridionale della capitale, la stessa dove si trova dal momento del suo arresto l’ex presidente egiziano Hosni Mubarak.

Redazione online