La sfida del web: portare Internet a 5 miliardi di utenti

Mark Zuckerberg (Getty Images)

Una sfida quasi impossibile al digital divide è stata lanciata da molti colossi del web, capitanati dal fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, per riuscire a portare a quei 5 miliardi di utenti che ancora non usufruiscono di Internet in tutto il mondo.

Si tratta di un progetto immane al quale prendono parte, oltre a Facebook, Samsung, Nokia, Ericsson, Opera Software, Mediatek e il produttore di chip Qualcomm. Ha sottolineato Zuckerberg, annunciando in conferenza stampa i contenuti del progetto, che è stato denominato Internet.org: “Tutto ciò che ha fatto Facebook è stato di dare a tutte le persone in tutto il mondo il potere di connettersi. Ci sono enormi barriere nei Paesi in via di sviluppo a collegare e unire l’economia della conoscenza”.

Ha aggiunto il fondatore del più popolare dei social network: “Sempre più gente dovrebbe essere in grado di relazionarsi grazie all’accesso a Internet; ma d’altra parte bisogna consentire all’industria di aumentare i profitti e di costruire infrastrutture. Crediamo che sia possibile fornire in modo sostenibile l’accesso gratuito ai servizi Internet di base”.

Internet.org intende ridurre del 99 per cento i costi d’accesso a internet mobile, perché “oggi, globalmente il costo per il traffico dati è nell’ordine di 100 volte troppo alto perché sia fattibile”.

Redazione online