Brescia: giallo sull’omicidio della giovane brasiliana. Uccisa mentre era incinta

Un carabiniere e l'auto di ordinanza (Franco Origlia/Getty Images)

E’ ancora giallo intorno al decesso di Maria Rodrigues Silva Martins, la giovane donna di origini brasiliane che è stata ritrovata cadavere nel suo ufficio di Gambara (provincia di Brescia) venerdì della scorsa settimana. Le indagini degli inquirenti proseguono, ma nuove importanti informazioni sono state date alle autorità dai medici legali che hanno effettuato l’autopsia. Si tratta di particolari che potrebbero portare l’indagine a un punto di svolta significativo: la donna è stata uccisa.

Sembra poi che le autorità che abbiano scoperto la manomissione di un tubo della caldaia situata nell’ufficio dove la giovane lavorava.

Grazie alle indagini effettuate fuori dal luogo del delitto, tra le persone e le frequentazioni di Maria, gli inquirenti sono poi venuti a sapere che, con tutta probabilità, la donna era incinta. Non si ha ancora la certezza del fatto che la donna sia stata freddata mentre era in corso una gravidanza, ma i risultati dell’autopsia, una volta che verranno resi noti in maniera integrale, potrebbero provare anche questo. Se così dovesse essere dimostrato, si farebbe ancor più strada, a tale proposito, il sospetto di un delitto a sfondo passionale.

 

Redazione online