Microsoft cambia direzione. Si pensa ad Alan Mullaly di Ford

Il logo Microsoft (Getty Images)

Novità all’orizzonte per Microsoft, il colosso dell’informatica in cerca di un amministratore delegato che sappia fronteggiare la sfrenata competizione di Google e Apple. Secondo indiscrezioni confermate dalla stampa americana e internazionale, l’azienda di Redmond sarebbe in procinto di offrire l’ambitissima posizione di ad Alan Mullaly, attuale presidente di Ford.

Sul nome di Mullaly si fa un gran parlare e in molti, tra utenti di Microsoft ed esperti di informatica, si chiedono se la sua figura sia la migliore sul mercato per risollevare le sorti della storica ditta statunitense. Il numero uno dell’azienda automobilistica ha dalla sua una nomea che gli attribuisce il merito di aver risollevato Ford dalla pesante crisi che l’aveva colpita nel 2006, anno in cui divenne CEO. Mullaly riuscì a riportare in positivo la compagnia: da un passivo di 12.6 miliardi di dollari, il manager riuscì, nel 2010, a riportare il segno più sui bilanci, con un attivo di 6,6 miliardi di dollari.

Tra i detrattori di Mullaly è da annoverare l’attuale amministratore delegato della Blue Badge Insight – una compagnia che offre analisi per la stessa Microsoft. Andrew Brust, questo il suo nome, ha detto alla testata CRN: “Mullaly non viene dal mondo dei software e della tecnologia, e non è giovane. Microsoft avrebbe bisogno di qualcuno che ha entrambe queste categorie”.

Redazione online