Germania: vescovo di Limburgo nei guai per sperperi

Il vescovo di Limburgo Franz Peter Tebartz-van Elst

Una residenza episcopale da 31 milioni di euro, questa la cifra stellare del costo dei lavori per la nuova casa del vescovo Franz Peter Tebartz Van Elst, nella cittadina di Limburgo, appena 33mila abitanti, nel Land tedesco dell’Assia. I lavori, per la costruzione di un complesso che prevedeva stanze per il vescovo e per i suoi assistenti, insieme ad una cappella privata, un giardino e perfino una cantina per le reliquie, erano partiti nel 2010 e non sono ancora finiti. La somma stanziata all’inizio ammontava a 5,5 milioni di euro e già all’epoca aveva scatenato accese polemiche tra i fedeli e la popolazione locale, poiché la spesa era ritenuta decisamente sproporzionata per una residenza episcopale, in una cittadina da poche decine di migliaia di anime. Ora che i costi si sono moltiplicati per sei e la situazione è precipitata, è scoppiato in Germania uno scandalo di portata nazionale che ha mandato su tutte le furie la Conferenza episcopale tedesca e ha suscitato lo sdegno dell’opinione pubblica, con la richiesta di dimissioni rivolta al vescovo di Limburgo. Nel Paese di Martin Lutero, la vicenda non ha di certo gettato buona luce sulla Chiesa cattolica. Molti fedeli avrebbero addirittura deciso di abbandonare il cattolicesimo. Stando ad un’inchiesta del settimanale Der Spiegel, inoltre, i costi della residenza, adatta più ad un faraone che ad un vescovo, supererebbero perfino i già eccessivi 31 milioni di euro.

Intanto, Franz Peter Tebartz Van Elst, che la stampa tedesca ha ribattezzato “Skandalbischof”, il vescovo dello scandalo, incontrerà Papa Francesco. A rivelarlo è stato il quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung, che scrive che il vescovo di Limburgo partirà questo pomeriggio da Francoforte con un volo della Lufthansa diretto a Roma. Il quotidiano di Francoforte scrive che si tratta di una mossa di Tebartz Van Elst per anticipare l’arrivo a Roma, lunedì prossimo, del presidente della Conferenza episcopale tedesca Robert Zollitsch. In questo modo, Tebartz Van Elst vorrebbe difendere davanti al Papa la propria posizione, prima che possa essere screditato da Zollitsch. Inoltre,  vescovo di Limburgo conterebbe sull’appoggio di esponenti influenti della Curia romana.

Vedremo quali saranno gli sviluppi sulla vicenda la prossima settimana. Nel frattempo, la procura di Amburgo ha chiesto l’apertura di un giudizio abbreviato nei confronti del vescovo tedesco, accusato di aver reso falsa testimonianza davanti al tribunale di Amburgo in merito ad un viaggio da lui fatto in India.

Redazione