Rapporto Svimez: il sud Italia soffre per povertà e disoccupazione

Una mendicante (Foto: GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Povertà e disoccupazione. Sono queste alcune delle piaghe che affliggono il sud Italia secondo la ricerca statistica pubblicata oggi da Svimez e intitolata Rapporto sull’economia del Mezzogiorno. I dati che emergono dall’analisi sono preoccupanti e parlano di un ritorno al passato nella qualità della vita degli abitanti della parte meridionale della penisola e di un aumento della disparità rispetto al centro-nord.

Cominciando da uno dei due problemi, la povertà, si apprende dalla ricerca Svimez a sud circa una famiglia su quattro è a rischio. Stipendi bassi, lavoro che manca, economia stagnante, per queste e per altre ragioni nelle regioni meridionali la percentuale delle famiglie che vivono con meno di 1.000 euro mensili è pari al 14% (contro il 5% del centro-nord). Le cifre aumentano in maniera drammatica se si prende in considerazione la Sicilia, isola nella quale circa il 20% dei nuclei famigliari vive con 1.000 euro al mese.

La questione disoccupazione, se vogliamo, è lo specchio delle problematiche connesse all’aumento della povertà. La crisi economica in atto ha colpito pesantemente il sud Italia, tanto che nel 2012 il tasso di disoccupazione in queste zone avrebbe subito un’impennata e si attesterebbe sul 28%. Al centro-nord sono calcolati al 12% i cittadini che non riescono a trovare lavoro. L’acuirsi della disparità sarebbe dovuta anche al calcolo nella percentuale di quegli individui considerati inattivi che, cioè, non hanno e non cercano lavoro.

A commentare il Rapporto anche il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: “Il rapporto Svimez affida alla comune riflessione un quadro inquietante delle condizioni economiche e sociali del Mezzogiorno: dalle analisi che vengono proposte emerge con chiarezza come le conseguenze negative della crisi economica in atto si ritrovino amplificate nel contesto delle regioni meridionali, con il diffondersi di gravi situazioni di disagio”, ha detto il Capo dello Stato.

Redazione online