Morte di Priebke, avvocato Giachini: “Accordo sui funerali”

Paolo Giachini, avvocato di Erich Priebke, davanti all'abitazione di via Cardinal San Felice a Roma (Getty Images)

Ci sarebbe l’accordo per i funerali del gerarca nazista Erich Priebke, dopo i disordini avvenuti ad Albano Laziale a causa della volontà di celebrarli nella cittadina sui Castelli Romani. Poco fa, conversando con l’AdnKronos, il legale di Priebke, condannato all’ergastolo per l’eccidio delle Fosse Ardeatine, Paolo Giachini, ha sostenuto di aver “trovato un accordo con le autorità”.

“La storia si è risolta”, ha aggiunto l’avvocato, commentando: “Verrà sepolto in un posto che pero’ io non rivelo”. Massima segretezza dunque sul luogo della sepoltura, quasi certamente sul territorio italiano, da come si evince da alcune dichiarazioni: “Questo è un Paese dove circolano non solo personaggi che vilipendono le salme con il pensiero e le parole, ma addirittura delinquenti che aggrediscono le salme”. Spiega ancora Giachini: “Noi volevamo una soluzione che riuscisse a risolvere le problematiche spirituali-religiose e che non fosse degradante per il ricordo di amici e parenti di Priebke”.

L’avvocato è duro rispetto a quanto avvenuto nei giorni scorsi e sostiene: “Avevamo escluso la cremazione senza un rito religioso e dunque volevamo una sepoltura dignitosa”. E ancora: “La buona novella è che siamo soddisfatti perche abbiamo ottenuto il rispetto della salma e dei sentimenti dei parenti e degli amici”.

Nel frattempo, il sacerdote lefebvriano don Floriano Abrahamowicz ha ribadito ancora una volta l’intenzione di celebrare una messa in suffragio di Priebke, aggiungendo: “Formalmente ho invitato i simpatizzanti neonazisti a non venire perché qui non c’entrano. La messa non ha e non vuole avere alcun risvolto politico. Se venissero i partigiani a chiedermi di celebrare una messa, io lo farei, ma non sono mai venuti”.

Redazione online