Russia, attentato kamikaze pullman a Volgograd: 6 morti e 32 feriti

Riprese di un passante, attentato pullman Volgograd, 21 ottobre 2013 (Getty images)

Il bilancio dell’attentato su un pullman di linea a Volgograd, in Russia meridionale registra 6 morti e 32 feriti, 8 in condizioni critiche.
Secondo quanto trapela dall’agenzia russa Interfax, una donna-kamikaze che si era convertita da poco all’islam, moglie di un estremista islamico, sarebbe all’origine dell’attentato contro il pullman di linea.
E’ quanto conferma la Commissione investigativa russa. Il portavoce Vladimir Markin ha spiegato che la presunta attentatrice è originaria del Daghestan, repubblica del Caucaso russo dov’è molto presente il terrorismo di matrice islamica.

I documenti della donna sarebbero stati ritrovati nei pressi del luogo dell’esplosione, nell’ex Stalingrado.

Intanto le autorità hanno aperto un’inchiesta per terrorismo. Secondo un sopravvissuto, la donna kamikaze si sarebbe fatta esplodere appena salita sul bus.

Redazione