L’approccio dei nani: romantico, galante o…diretto?