Berlusconi a Vespa: “I miei figli come ebrei sotto Adolf Hitler”

Silvio Berlusconi in Senato (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

“I miei figli dicono di sentirsi come dovevano sentirsi le famiglie ebree in Germania durante il regime di Hitler. Abbiamo davvero tutti addosso”, queste le ultime dichiarazioni rilasciate da Silvio Berlusconi e pubblicate prima dell’uscita del volume redatto da Bruno Vespa, Caffé, zucchero e sale. Secondo le ultime indiscrezioni, il Cavaliere si sarebbe sfogato con il presentatore di Rai Uno, ma avrebbe anche affermato di sentirsi italiano e di non voler, in nessun modo, lasciare la penisola. Queste le sue parole: “Sono italiano al 100 per cento. In Italia ho le mie radici. In Italia sono diventato quello che sono – spiega – Ho fatto qui l’imprenditore, l’uomo di sport, il leader politico. Questo è il mio paese, il paese che amo, il paese in cui ho tutto: la mia famiglia, i miei amici, le aziende, la mia casa, e dove ho avuto successo come studente, come imprenditore, come uomo di sport e come uomo di Stato. Non prendo neppure in considerazione la possibilità di lasciare l’Italia”.

 

Redazione online