Caserta: tredici in manette per gestione appalti nella Asl. Arrestato anche un consigliere comunale

Un carabiniere e l'auto di ordinanza (Franco Origlia/Getty Images)

Sono partite nel corso di questa mattina almeno tredici provvedimenti di custodia cautelare emessi dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Nel mirino delle autorità, le quali stanno conducendo un’operazione che conta di durare per tutta la mattinata, figure illustri dell’ambiente legato alla politica e alla sanità della zona. Con l’accusa di essere coinvolti in presunti appalti truccati per l’affidamento dei servizi di pulizia nelle strutture della Asl casertana sono stati messi in manette, Giuseppe, Roberto e Giuseppe Grillo, Pasquale De Feudis, Lazzaro Luce, Antonio Pascarella, Antonio Rinaldi, Francesco Bottino. Tra gli arrestati compare anche il consigliere comunale Angelo Polverino.

Utilizzando intercettazioni, attraverso i classici pedinamenti e consultando alcuni documenti, gli inquirenti del casertano hanno elaborato un’accusa che ora vede gli arrestati doversi difendere da reati di concorso esterno in associazione mafiosa, turbativa d’asta e abuso d’ufficio.

Redazione online