Obama “grazia” un tacchino per la Festa del Ringraziamento

Presidente degli Stati Uniti Barack Obama (Getty images)

Un’altro tacchino al quale sarà risparmiata la vita dal presidente americano Barack Obama che secondo quanto rende noto la Casa Bianca, mercoledì prossimo grazierà il tacchino che come vuole la tradizione viene cucinato per la vigilia della Festa del Ringraziamento.

Tuttavia, i media, un po’ scherzosi, hanno evidenziato come, le “grazie” di Obama non abbiamo però portato fortuna a questi volatili: come riporta l’Ansa, nel 2012, in una cerimonia ufficiale, Obama ha salvato la vita a due grassi tacchini da circa 20 chili, chiamati Cobbler e Gobbler: “Questi due fortunati animali entreranno ora in un vortice di fama e fortuna che li condurrà infine a Mount Vernon, dove trascorreranno gli anni della vecchiaia nella storica residenza di George Washington”, disse Obama.
Ma sembra che il tacchino Cobbler sia morto poco dopo nel mese di agosto e l’altro, Gobbler nel mese di febbraio di quest’anno.
In totale, tutti i sei tacchini graziati da Obama sarebbero già morti. Nessun mistero e nessuna “maledizione della grazia di Obama”. In realtà, un allevatore ha spiegato che la durata media della vita dei tacchini è di tre-quattro anni in quanto questi volatili vengono allevati per essere mangiati: “Crescono molto in fretta e il loro cuore, o le ossa o gli organi interni non riescono a stare al passo”, ha detto l’allevatore.

Insomma, a ciò i tacchini potrebbero rispondere: “Meglio una vita breve in piena libertà che nel piatto del Ringraziamento”!

Redazione