Germania sotto shock: poliziotto uccide e taglia a pezzi uomo conosciuto online

Il luogo del macabro ritrovamento (Matthias Rietschel/Getty Images)

C’è l’ombra del cannibalismo dietro un efferato omicidio avvenuto nei giorni scorsi in Germania, dove un poliziotto di 55 anni, arrestato mercoledì, ha confessato poche ore fa di aver ucciso e fatto a pezzetti un altro uomo, conosciuto su Internet, proprio su un portale dedicato al macabro rituale di nutrirsi di esseri umani. Secondo il capo della polizia di Dresda, Dieter Krol, la vittima, un 59enne di Hannover, aveva “fin dalla sua giovinezza immaginato di essere ucciso e mangiato”.

Al momento però, il poliziotto è accusato solo di aver ucciso e fatto a pezzi la sua vittima, mentre gli inquirenti continuano ad escludere che il movente sia proprio il cannibalismo. Un altro investigatore, Maik Mainda, ha rivelato che tra i due quello sarebbe stato il primo incontro, come testimonierebbero le tante email e i tanti messaggi che si sarebbero scambiati in questo periodo. L’incontro sarebbe poi effettivamente avvenuto alla stazione ferroviaria di Dresda, e da lì i due si sarebbero recati nell’abitazione dell’omicida, nella città di Hartmannsdorf-Reichenau.

Ha aggiunto Mainda: “L’accordo era che l’omicidio doveva avvenire subito. Il poliziotto ha usato un coltello per causare una ferita mortale alla gola della vittima, che ha poi portato al suo decesso. Il sospetto ci ha detto di aver fatto a pezzi la vittima, anche pezzi molto piccoli, e di aver tagliato le ossa. L’indagato ha poi sepolto le membra in un giardino di sua proprietà”. E’ stato lo stesso poliziotto a condurre i suoi colleghi nel punto del giardino dove aveva sepolto i resti della vittima del suo brutale omicidio.

Redazione online