Provincia di Foggia (youreporter.it)

Il maltempo ha flagellato l’Italia con nubifragi al Sud e in Molise mentre l’allerta meteo permane fino a domani in Calabria, Molise, Puglia e Basilicata. Nel resto della penisola il vento forte ha creato numerosi incidenti tra cui un morto a Roma, dove un albero è caduto in via Cristoforo Colombo su un motociclista.

Anche a Napoli il forte vento ha provocato numerosi danni: un uomo è rimasto ferito da un cornicione caduto nel quartiere di Scampia. Mentre questa mattina, si segnala il decesso di una donna a Sambuceto, nella provincia di Pescara: Anna Maria Mancini, 57 anni, è morta dopo essere rimasta intrappolata con la propria auto in un sottopasso allagato. Questa mattina, la donna aveva telefonato al marito chiedendo aiuto e dicendo che stava annegando. Ma i soccorritori sono arrivati troppo tardi e hanno ritrovato la donna già morta annegata nella sua automobile sotto tre metri d’acqua.

Nel pomeriggio, invece, due uomini sono stati investiti da un’onda anomala a Rossano Calabro, in provincia di Cosenza. I due, rispettivamente di 30 e 53 anni, stavano pescando alla foce del fiume Crati; per il più giovane non c’è stato nulla da fare, inutili si sono rivelati i soccorsi della locale Guardia Costiera.
Secondo quanto riportano i media la pioggia è caduta incessamentemente anche in Sicilia mentre peggiora in Abruzzo, Campania e Sardegna.
Si prevede una tregua di qualche giorno ma nel prossimo fine settimana si attende una nuova ondata di aria artica su tutta l’Europa che comporterà un drastico calo delle temperature al Nord della penisola e precipitazioni nevose anche sulle regioni adriatiche, maltempo e temporali al Sud e in Sicilia.

PUGLIA– Nei pressi della stazione di Cervaro nella provincia di Foggia, un treno delle Ferrovie dello Stato della linea Foggia-Potenza è deragliato ieri sera intorno alle 23 probabilmente a causa del cedimento della sede ferroviaria provocato dalla pioggia. A bordo del treno oltre al macchinista e al capotreno, vi erano due soli passeggeri e i quattro sono stati ricoverati in “codice rosso” all’ospedale di Foggia. Il macchinista e il capotreno sono ora in prognosi riservata.
Intanto la linea Potenza-Foggia è stata sospesa in attesa di una valutazione delle condizioni della sede ferroviaria e degli interventi di ripristino da parte di Rfi- Sono stati attivati servizi di autocorriere per supplire al servizio.

La viabilità nella provincia di Taranto è in tilt e permane l’allerta nelle prossime ore: la strada statale ionica 106, in direzione Reggio Calabria da Taranto, rimane bloccata all’altezza dello svincolo di Castellaneta e all’alba c’erano ancora problemi a causa della deviazione dei mezzi pesanti verso Castellaneta. La chiusura della strada é stata disposta a seguito dell’innalzamento del livello del fiume Lato.

Ad Andria, invece quattro uomini, due su un trattore e due su un autocarro, sono rimasti intrappolati con i loro mezzi a causa del maltempo da acqua e fango sono stati tratti in salvo dalla polizia stradale.
A Ginosa Marina nella provincia di Taranto, circa 200 famiglie sono state trasferite dalle loro abitazioni a causa di un fiume a rischio esondazione, mentre a Trani 500 cani sono stati salvati in un canile allagato.

ABRUZZO– A Pescara e nella provincia la situazione sta diventando tragica: con il rischio di esondazione del fiume Fosso Vallelunga che ha costretto le autorità a disporre l’evacuazione del Villaggio Alcyone, area residenziale nella zona sud della città. Circa 1.500 persone saranno spostate dalle loro abitazioni nel Palazzetto dello Sport con dei pullman predisposti dal Comune per il trasporto.
I comuni che hanno predisposto anche la chiusura delle scuole a Pescara e in alcuni comuni del Pescarese hanno invitato i cittadini a non mettersi in macchina, considerando le condizione pericolose delle strade.

Il servizio Viaggiatreno di Trenitalia segnala che “la circolazione è rallentata tra le stazioni di Pescara e di Francavilla (linea Pescara/Foggia) dalle ore 12:05 per maltempo”.

A Pescara è stato attivato il Centro operativo comunale (Coc) per far fronte all’emergenza. Si registrano allagamenti ovunque, da Portanuova a San Donato fino alla zona Nord, dove l’acqua ha raggiunto gli 80 centimetri di altezza. Il Fiume Saline a Montesilvano nella provincia di Pescara è esondato in più punti e in tutta la città si registrano allagamenti, frane e smottamenti.

MARCHE – Disagi anche nelle Marche, dove all’altezza di San Benedetto del Tronto si segnala la sospensione della circolazione ferroviaria locale lungo la linea Adriatica. La preoccupazione principale riguarda, in questo tratto di binari, l’esondazione del fiume Tronto.

A causa dell’esondazione di diversi fiumi e torrenti, diversi disagi e strade bloccate si segnalano nelle province di Fermo e Macerata. Sono infatti esondati il fiume Tenna e il Tesino, costringendo all’evacuazione diverse famiglie residenti nel comune di Sant’Elpidio a Mare; dopo i disagi delle scorse settimane, preoccupa anche una nuova piena lungo la vallata del Chienti, mentre l’esondazione del fiume Potenza ha costretto le autorità a intervenire, chiudendo diverse strade locali che costeggiano il corso d’acqua. Una frana è inoltre segnalata fra Camerino e Muccia.

CALABRIA– Massima allerta anche in Calabria dove un barcone in difficoltà è stato avvistato nella notte a circa 80 miglia al largo di Capo Spartivento, nel Reggino
Le operazioni di soccorso della guardia costiera sono limitate a causa del mare grosso. Intanto nell’area sono stati dirottati sette mercantili, i quali tuttavia, date le condizioni del mare (le onde sono altissime), non possono intervenire per il rischio di collisione con il barcone.
A Schiavonea, a Corigliano Calabro, il sindaco Giuseppe Geraci ha emesso un’ordinanza, eseguita dai vigili del fuoco, per l’evacuazione di dieci abitazioni perché minacciate dalle mareggiate.

Redazione