Caso Snowden, secondo NYT e Guardian occorre un atto di clemenza

Manifestazione pro Snowden (Getty Images)

Edward Snowden, il contractor dell’Nsa che ha rivelato al mondo il cosiddetto sistema Prism e che da giugno si trova in Russia con un permesso di asilo politico temporaneo, merita un atto di clemenza da parte del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Lo scrivono in due differenti editoriali sia il ‘New York Times’ che ‘The Guardian’.

Scrive il quotidiano newyorkese, citato da Rainews24: “Forse ha commesso un reato, ma ha reso un grande servizio al suo Paese. Il pubblico ha imparato molto dettagliatamente come l’agenzia abbia oltrepassato il suo mandato e abusato della sua autorità, suscitando indignazione nelle case e nel Congresso, che potrebbe finalmente iniziare a limitare queste pratiche”.

Stessa posizione anche da parte del londinese ‘The Guardian’, che ha anche manifestato stima per l’ex contractor: “Snowden ha fornito informazioni riservate ai giornalisti, pur conoscendo le probabili conseguenze. Questo è stato un atto di coraggio”.

Redazione online