Ondata maltempo in Europa: nuova allerta in Gran Bretagna

Maltempo (getty images)

Per il fine settima dell’Epifania è in arrivo una nuova ondata di perturbazione proveniente dall’Atlantico e che colpirà l’Europa. Secondo le previsione di meteoweb.eu, la nuova ondata di maltempo del Nord atlantico porterà con sé forti venti e piogge che si abbatteranno su buona parte del vecchio continente in particolare Scozia ed Irlanda e il Nord Africa.

“Questa tempesta, che colpirà l’Europa lunedì e martedì, si comporterà in modo diverso, muovendosi dalla East Coast statunitense verso nordest. Prevediamo un aumento di intensità da sabato con venti forti dal pomeriggio. I nostri dati mostrano attualmente un sistema delle dimensioni della Francia con venti che soffiano da 25 a 35 m/s,” ha dichiarato il meteorologo della MSW sottolineando che si potrebbe verificare anche onde alte 20 metri.

La forte perturbazione sta già interessando la Gran Bretagna che teme nuove inondazioni e per le strutture lungo le coste. Le autorità hanno intanto emanato 21 allerta per “inondazioni grave” ovvero con il pericolo di morte per le zone dell’Inghilterra sud-occidentale, il Gloucestershire e il Galles mentre l’agenzia meteo ha preannunciato allagamenti in Scozia e Irlanda del nord.

Le autorità stanno consigliando agli abitanti delle zone più basse di allontanarsi dalle coste e dagli argini dei fiumi mentre il governo ha indetto una riunione con l’unità Cobra per le emergenze.
Questa mattina, a Newport, nel Galles del Sud, sono già state evacuate alcune case perché si attende una delle peggiori alta marea degli ultimi 17 anni.

Anche l’Italia non sarà risparmiata dalla perturbazione atlantica che porterà un calo drastico delle temperature, piogge, forti mareggiate e neve almeno fino alla Befana.
Saranno interessate le regioni settentrionali e tirreniche, e si attendono anche delle nevicate a quote di pianura sul Piemonte sudoccidentale. Tanto che la Protezione civile ha diffuso un avviso di condizioni meteo avverse per i temporali sulla Liguria, sui settori meridionali del Piemonte, sulla zona meridionale dell’Appennino emiliano, sul nord della Toscana, e poi su Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia. A partire da sabato la perturbazione si estende su Lazio e Umbria, Campania e sui settori occidentali di Abruzzo e Molise e sulla Puglia. Nella giornata di domenica il maltempo colpirà anche le regioni del Sud tra cui Calabria e Puglia meridionale. Leggero miglioramento atteso per lunedì 6 gennaio.

Redazione

LEGGI ANCHE:
Tempesta di Natale: vittime in Gran Bretagna