Susanna Camusso: “Il piano sul lavoro di Renzi va nella giusta direzione”

Susanna Camusso (Getty Images)

Dopo una lunga pausa, in cui sembrava che da parte della Cgil ci fossero dei timori rispetto al cosiddetto ‘JobsAct’ di Matteo Renzi, oggi il segretario del sindacato, Susanna Camusso, intervistata dal Gr1, ha sottolineato: “Mi pare si vada nella direzione giusta”. Da parte della leader sindacale, una secca replica alle parole del ministro Enrico Giovannini, che ieri aveva criticato il piano per il lavoro, giudicato troppo dispendioso: “Questa è un’obiezione che viene regolarmente fatta ogni volta che si propone di innovare. E’ l’obiezione che è stata fatta da molti anche al piano per il lavoro della Cgil”.

Ha aggiunto la Camusso: “Io credo che bisogna non farsi fermare da questa affermazione ma ragionare, almeno questa è la visione della Cgil, sulla patrimoniale”. Proprio rispetto a questa tassa, la leader Cgil ha insistito: “E’ un tema di redistribuzione del reddito ma anche di investimento positivo sul fatto che chi ha guadagnato con la crisi reinvesta in termini di creazione di lavoro. Poi, mi viene da dire anche che l’Italia deve cambiare passo sull’utilizzo dei fondi strutturali”.

Rispetto al dibattito sull’art. 18, la Camusso ha sentenziato: “Tutti quelli che fanno dell’articolo 18 il centro della discussione sul lavoro sbagliano. Non è mai stato l’articolo 18 la causa o la ragione dei problemi che abbiamo. Noi ribadiamo il nostro approccio. Si è creato un grande precariato, una molteplicità di forme che non permettono di tornare ad una uniformità e legittimità del rapporto di lavoro. Per questo salutiamo con molto favore che il Pd proponga una riduzione delle tipologie di contratti”.

Redazione online