Dietrofront di Dieudonné: dopo le polemiche, il comico rinuncia al suo spettacolo

Dieudonnè (JEAN AYISSI/AFP/Getty Images)

Il controverso umorista francese Dieudonnè ha deciso di arrendersi: dopo le polemiche sull’antisemitismo dei giorni scorsi, ha infatto scelto di accantonare il suo spettacolo ‘Le Mur’, proibito più volte dalle autorità francesi, per far spazio a una nuova performance teatrale scritta in appena tre notti e riguardante “una tematica diversa”. Ad annunciarlo sulla sua pagina Facebook lo stesso monologhista di origine camerunense.

Definitosi sempre anticomunitario, antisionista e repubblicano, il comico è stato etichettato in partenza come militante di estrema sinistra, per poi essere considerato vicino all’estrema destra: tra le controversie che hanno portato le autorità francesi a boicottarlo in maniera determinata, la “quenelle”, una sorta di saluto romano invertito che è diventato un gesto identificativo dei suoi fans. Nelle scorse ore, il monologhista ha postato su Youtube un video, visto più di 600mila volte, in cui ha spiegato: “Vogliono sterminarmi totalmente e sistematicamente”.

Il nuovo spettacolo, che si chiama “Asu Zoa”, è in programma oggi per quattro spettacoli consecuitivi, a partire dalle 14 fino alle 22, al teatro de la Main d’Or di Parigi, nell’11esimo arrondissement. Dieudonné ha descritto l’opera come ispirata a “miti ancestrali e credenze primitive”, un “concentrato di danza, musica, mimi e alcuni movimenti di tai chi”.

Il comico ha poi lanciato una nuova sfida: “Mi hanno ferito, ma oggi noi possiamo combatterli con le nostre armi: acquistate allora in maniera massiccia il mio Dvd, piu’ sarete numerosi piu’ potro’ continuare nella mia lotta”. Nonostante la messa in scena di un nuovo spettacolo, le polemiche sulle perfomance di Dieudonné sembrano lontane dal trovare una soluzione.

Redazione online