Usa, bitcoin: due arresti per riciclaggio di denaro

Coinflash Bitcoin ATM (Getty images)
Coinflash Bitcoin ATM (Getty images)

Charlie Shrem, ad di una piattaforma di scambio di moneta virtuale e vice presidente della Bitcoin Foundation e Robert Faiella, considerato il “Re” del Bitcoin sono stati arrestati dalle autorità americane con l’accusa di riciclaggio di denaro.

Stando a quanto riporta il quotidiano la Repubblica, il giovane 24enne Shrem è stato accusato di cospirazione per riciclare più di 1 milione di dollari in moneta virtuale, in relazione all’attività illecita del bazaar online Silk Road.

Il vice presidente della Bitcoin Foundation sarebbe stato arrestato al suo arrivo al John F. Kennedy International Airport di New York lo scorso 26 gennaio, al rientro da un convegno di Amsterdam.

Secondo l’accusa, Schem e Faiella avrebbero venduto i Bitcoin per la compravendita di droghe illegali sul sito Silk Road, un mercato nero online che è stato chiuso ad ottobre e che era già noto per il traffico di armi, droga, documenti falsi e materiale pornografico.

Redazione