Libia: liberati i due operai italiani sequestrati

Manifestazioni in Libia (MAHMUD TURKIA/AFP/Getty Images)
Manifestazioni in Libia (MAHMUD TURKIA/AFP/Getty Images)

Una buona notizia dalla Libia: sono stati liberati i due operai italiani che erano stati sequestrati in Cirenaica lo scorso 17 gennaio. La notizia è stata data dal Ministro degli Esteri Emma Bonino, che non ha nascosto la sua “grande gioia e soddisfazione” per l’esito positivo della vicenda.

I due operai, Francesco Scalise e Luciano Gallo, entrambi calabresi, si trovavano in Libia a lavorare per l’azienda edile General World.

L’operazione per la liberazione dei due italiani è stata “frutto di attività congiunte tra autorità libiche e italiane”, scrive in una nota la Farnesina. “Desidero esprimere un sentito ringraziamento a tutte le donne e gli uomini della Farnesina e delle altre istituzioni che hanno consentito di giungere a un esito favorevole della vicenda in un contesto ambientale difficile”, ha detto il ministro Bonino.

Scalise e Gallo sono attesi all’aeroporto di Ciampino già per questo pomeriggio.

Redazione