Conferenza stampa di presentazione Sanremo: tanti ospiti e novità

Fabio Fazio e Luciana Littizzetto al Festival di Sanremo 2013 (Getty images)
Fabio Fazio e Luciana Littizzetto al Festival di Sanremo 2013 (Getty images)

 

Il Festival di Sanremo prenderà il via il prossimo 18 Febbraio nella consueta cornice del Teatro Ariston. Alla conduzione, per la quarta volta nella sua carriera, c’ è Fabio Fazio, in veste di direttore artistico e presentatore. Il conduttore di “Che tempo che fa” e il direttore di Rai Uno Giancarlo Leone hanno risposto alle domande dei cronisti durante la conferenza stampa di presentazione del Festival 2014, durante la quale sono stati annunciati gli ospiti e le novità.

Fazio, per il secondo anno di fila in questo ruolo dopo il bienno 1999-2000, ha esordito cercando di stigmatizzare l’importanza dell’audience con un paradosso divertente: “Non mi dispiacerebbe misurarmi con un tracollo negli ascolti, piuttosto di ottenere un risultato medio che non lasciasse alcun segno”, ha detto il presentatore ligure. All’attenzione di Fazio per gli ascolti, Leone ha risposto: “Dobbiamo tutti misurarci con il dato del 47 per cento fatto registrare dalla passata edizione”.

Il direttore di Raiuno ha annunciato le conduzioni del pre e del dopo festival: “Avremo un prefestival affidato a Pif, autore e regista di grande talento. E ringraziamo Mtv per avercelo concesso. Per il Dopofestival coinvolgeremo la squadra di Caterpillar (programma radiofonico di satira e attualità in onda su Radio2, ndr): Solibello e Ardemagni saranno però solo sul Web, volevamo rivitalizzare un marchio storico e insieme verificare le potenzialità dei nuovi media”. Leone promette, inoltre, buoni risultati economici per il Festival:  “Siamo in grado di annunciarlo con grande anticipo rispetto allo scorso anno: i 18 milioni di spesa per la Rai, ovvero 7 milioni della convenzione con il comune di Sanremo e 11 di produzione, sono già stati coperti. L’interesse pubblicitario riscontrato è più alto degli anni precedenti. E vedrete che alla fine il Festival avrà sicuramente prodotto degli utili”.

Prevarranno gli ospiti musicali, nazionali ed internazionali, a Sanremo 2014: sul palco dell’Ariston saliranno Yusuf Islam (già Cat Stevens), Damien Rice, Paolo Nutini, Stromae, Rufus Wainwright e per gli italiani Gino Paoli e Claudio Baglioni. Dal mondo extramusicale arriveranno invece Franca Valeri, Enrico Brignano, Laetitia Casta e Luca Parmitano, l’ astronauta italiano. Anche Luciana Littizzetto è intervenuta, con la solita ironia pungente, ad annunciare il contributo che tutti gli ospiti dovranno dare: “Tutti gli ospiti verranno a portare qualcosa, non ci sarà la solita passerella per la ‘figa di Parigi’ “. Anche Raffaella Carrà e Renzo Arbore saranno coinvolti nei festeggiamenti per il 60esimo anniversario della televisione pubblica, mentre sarà previsto un omaggio dall’orchestra Mozart per il maestro Claudio Abbado, scomparso recentemente. Ricordando il direttore d’orchestra, Fazio ha definito il suo ricordo “doveroso, perché tra gli artisti dell’eccellenza italiana ha sempre avuto voglia di parlare con tutti, come ha dimostrato varie volte anche nella mia trasmissione”.

Il venerdì sera del Festival sarà dedicata al premio Tenco, altra istituzione della musica italiana, spesso in “contrasto” con il Festival. Fazio considera il riconoscimento “una sintesi tra il Club e il Festival, due entità distinte eppure due aspetti complementari e importanti allo stesso modo per la città della canzone. Per troppo tempo ci sono state separazioni che non dovevano esserci”; ciascuno dei 14 artisti in gara a Sanremo si dovrà così confrontare con canzoni d’autore italiane.

Infine, Fazio e Mauro Pagani, ex PFM presidente della commissione selezionatrice, hanno difeso le proprie scelte sugli esclusi motivandole con una linea di giudizio “non esattamente scontata”. Il musicista ha specificato che ciascun brano è stato valutato tanto per la musica quanto per il testo: “Molti cantanti hanno un pezzo più bello dell’altro, sarà un problema dovervi rinunciare a partire dalla seconda fase al via dal giovedì. Non dovrei dirlo ma lo dico: tra i giovani ci sono le cose migliori” ha concluso Pagani, sbilanciandosi sulla sezione Giovani.

 

Redazione