Tibet, nuova immolazione: monaco di 25 anni si dà alle fiamme

Monastero tibetano (getty images)
Monastero tibetano (getty images)

Un giovane ex monaco tibetano di 25 anni del monastero di Kirti nella Regione di Ngba si è immoltato per protesta contro l’egemonia cinese sul tibet.
Un tragico evento che porta a 127 il numero di immolazioni dal 2009.

Secondo quanto riporta l’Ansa, citando, il sito Phayoul, il ragazzo Lobsang Dorje, giovedì scorso, verso le 18h30 si sarebbe cosparso di benzina e poi si è dato fuoco nei pressi del monastero di Kirti cantando slogan di protesta.
La polizia è giunta immediatamente sul posto e ha spento le fiamme sul ragazzo che è stato portato via.
Al momento non si hanno notizie se Dorje sia sopravvissuto al suo gesto estremo.
La via del Monastero di Kirti è diventata uno dei luoghi più funesti per le immolazioni tanto che nel 2012 è stata battezzata dai tibetani la “Heroes Street” a seguito delle numerose immolazioni.

Intanto, le forze dell’ordine hanno rafforzato i controlli nella zona e ha istituto molti posti di blocco nei punti di accesso alla regione.

Redazione

LEGGI ANCHE:
Tibet: continuano le immolazioni contro il governo cinese