Blitz anti mafia a Palermo: sequestrati 250 milioni di euro

dia-polizia

Un maxisequestro di beni è stato messo a segno dalla Dia a Palermo, nell’ambito di un blitz contro attività mafiose legate al mercato ortofrutticolo e al suo indotto. Tra beni immobili, aziende, veicoli e attività finanziarie è stato sequestrato un valore complessivo di 250 milioni di euro. I beni oggetto del provvedimento cautelare sono riconducibili ad alcuni presunti esponenti del clan Galatolo di Cosa Nostra.

Le indagini della Dia hanno permesso di scoprire un vero e proprio sistema di controllo del mercato ortofrutticolo di Palermo, che stabiliva anche i prezzi di vendita a cui dovevano uniformarsi tutti gli altri commercianti. Non solo, l’organizzazione, composta da cinque uomini legati al clan Galatolo, operatori dello stesso mercato, controllava anche il trasporto su gomma da e per la Sicilia occidentale di ortofrutta e anche i principali mercati di approvvigionamento delle derrate alimentari del Centro Italia. L’organizzazione criminale gestiva inoltre le attività connesse al commercio svolto all’interno del mercato palermitano da Cosa nostra.

Redazione