General Motors:‭ ‬un’indagine la accusa di‭ ‬303‭ ‬morti per malfunzionamento airbag

Detroit (Spencer Platt/Getty Images)
Detroit (Spencer Platt/Getty Images)

La più grande casa automobilistica americana,‭ ‬la General Motors,‭ ‬si trova nuovamente al centro della bufera.‭ ‬Nei giorni scorsi la giustizia americana ha già indagato il colosso di Detroit per‭ ‬13‭ ‬morti in incidenti stradale nelle quali un difetto al sistema di accensione di alcuni vecchi modelli era risultato letale.‭

Secondo uno studio commissionato dal Center for Auto Safety,‭ ‬non sarebbero gli unici casi e non sarebbe stato l’unico difetto in quelle auto,‭ ‬tutte fabbricate tra il‭ ‬2003‭ ‬e il‭ ‬2007.‭
‬In quest’indagine si accusa la casa di produzione americana di altre‭ ‬303‭ ‬morti causate dal malfunzionamento degli airbag in due modelli,‭ ‬che comunque rientrano tra gli‭ ‬1,6‭ ‬milioni di veicoli ritirati da Gm dopo il precedente scandalo.‭

La responsabilità da parte degli ex vertici del gruppo sta,‭ ‬secondo il Center for Auto Safety,‭ ‬nell’aver occultato tali problemi nelle loro auto e non aver fatto nulla per porvi rimedio.‭
‬Il Congresso e il Dipartimento per la giustizia americani non faranno finta di nulla,‭ ‬e indagheranno sulla questione principale:‭ ‬per quale motivo General Motors ha atteso per così tanti anni prima di togliere dal mercato le vetture‭?
Secondo quanto riporta il Wall Street Journal,‭ ‬infatti,‭ ‬l’azienda sarebbe stata a conoscenza dei difetti di funzionamento di alcuni dispositivi fin dal‭ ‬2001,‭ ‬tre anni prima che i veicoli venissero lanciati sul mercato.‭

Redazione