“Der Spiegel”: dal 2020 rinnovo armi nucleari Usa in paesi europei alleati

Manifestazione No Nuke (Getty Images)
Manifestazione No Nuke (Getty Images)

Secondo quanto riporta il settimanale tedesco “Der Spiegel”, che non richiama le sue fonti, il Pentagono avrebbe in programma, a partire dal 2020, di rinnovare il proprio parco di armi atomiche in Germania ed altri paesi europei.

Il piano economico futuro del Dipartimento americano per la Sicurezza riporta infatti, tra le voci di spesa, la copertura finanziaria necessaria per posizionare nuove bombe atomiche di tipo B61-12 in Europa. Sempre secondo la stessa fonte, gli alleati europei, in virtù di questo, dovranno procedere, a partire dal 2015, con l’aggiornamento di tutti i software degli aerei da guerra presenti nel nostro continente. I nuovi armamenti nucleari saranno però disponibili solo a partire dal 2020 e dovrebbero costare complessivamente, in base al valore attuale, circa dieci miliardi di dollari.

Per custodire questo tipo di strumenti è inoltre previsto un piano per la messa in sicurezza dei magazzini di deposito delle armi nucleari, per il quale la sola Germania dovrà sborsare circa 30 milioni di dollari, a fronte dei 154 milioni complessivi.

Redazione