Caos Milan, tra Seedorf a rischio, Galliani accerchiato, la rifondazione di Barbara e il nuovo Ds

Barbara Berlusconi e Adriano Galliani (Getty Images)
Barbara Berlusconi e Adriano Galliani (Getty Images)

 

Caos Milan. C’è grande confusione in questo periodo in casa rossonera. La crisi è aperta e dopo la partita col Parma si è ingrandita anche di più. Sono state smentite le parole del Presidente Berlusconi dell’altro ieri che rassicurava tutti sul futuro nella panchina rossonera di Clarence Seedorf. Intendiamoci, non è a rischio, ma deve cominciare a fare risultati. C’è poi il problema Galliani, che la maggior parte dei tifosi e degli addetti ai lavori vorrebbero fuori dal club dopo tanti anni di vittorie. Le velate critiche del Presidente (”La squadra è stata costruita male”) pesano come un macigno, ma nella giornata di ieri l’Ad brianzolo ha tirato fuori l’orgoglio: ”Sento Silvio Berlusconi ogni giorno, anche oggi (ieri, ndr ). Io non mollo”.

Intanto Barbara Berlusconi continua a lavorare sottotraccia per acquisire un nuovo Direttore Sportivo, dopo l’addio di un altro grande vecchio come Ariedo Braida. Il profilo cercato è di un Ds giovane e con idee innovative. In pole position c’è Sean Sogliano del Verona, che ha fatto un grande lavoro in Veneto, e che paradossalmente non è così facile da portare via da Verona, in quanto sta bene in gialloblù e sta già lavorando per il futuro. Contatti anche con Andrea Berta, ex Parma, ora all’Atletico Madrid, ma gli spagnoli difficilmente se lo lascerebbero sfuggire, visto il grande lavoro svolto. Infine, c’è l’opzione Riccardo Bigon del Napoli, ma anche qui il Presidente de Laurentiis è restìo a farlo partire. Insomma, il Milan si muove…