New York: di Blasio impone una tassa sulla vendita di sacchetti in plastica

Sacchetti in plastica ( PAL PILLAI/AFP/Getty Images)
Sacchetti in plastica ( PAL PILLAI/AFP/Getty Images)

La Grande Mela del nuovo primo cittadino Bill de Blasio vuole tingersi di verde puntando sulla sostenibilità ambientale. Il primo punto dal quale l’amministrazione comunale del sindaco italo-americano ha intenzione di partire è quello della riduzione dei sacchetti in plastica per il cui smaltimento la città spenderebbe circa dieci milioni di dollari.

L’idea di de Blasio non è quella di vietare la vendita o la distribuzione gratuita delle odiate buste per la spesa, ma quella di inibirne l’uso attraverso l’istituzione di una tassa che fissa il prezzo di ogni sacchetto a 10 centesimi di dollaro. Dal provvedimento saranno esclusi solamente i negozi che vendono liquori, le farmacie e i locali con servizio di ristorazione.

Quanto annunciato dall’amministrazione di New York non è una novità per gli Stati Uniti. Dal 2007 un centinaio di comuni della California hanno dichiarato guerra alle buste di plastica e proprio a inizio anno è stata presentata presso il senato dello stato americano una bozza con cui si richiedeva di bandirne completamente l’uso.

Redazione online