Divorzio Breve. Bagnasco critica l’iniziativa di Pd e Forza Italia

Il cardinale Angelo Bagnasco (Getty Images)
Il cardinale Angelo Bagnasco (Getty Images)

Sul tema del divorzio breve, che in queste ultime ore è divenuto d’attualità grazie alla proposta di ridurre i tempi di pratica da tre anni a un anno presentata alla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati da Partito Democratico e Forza Italia, è intervenuto oggi il cardinale e presidente della Cei, Angelo Bagnasco, il quale ha affermato: “Accorciare questo tempo apparentemente può essere una maggiore considerazione della libertà degli individui ma sarebbe, dall’altra parte, una facilitazione a una decisione così grave, non solo per i coniugi ma per il Paese intero, perché se due persone stanno insieme con un progetto comune questo è molto importante per tutta la società, non è un fatto meramente privato”.

“I tempi più lunghi – ha proseguito Bagnasco – tra la separazione e il divorzio non sono una forma di coercizione della libertà degli individui ma sono da parte della società e dello Stato una possibilità perché le persone coinvolte possano far decantare le emotività, le situazioni di conflitto per un tempo di maggiore riflessione e di pausa in modo da affrontare con maggiore serenità, per quanto possibile, un passo così grave come il divorzio”.

Redazione online