Europee: a Palermo, Tsipras “infiamma” la piazza

Alexis Tsipras (getty images)
Alexis Tsipras (getty images)

Il candidato del Gue-Ngl alla presidenza della Commissione Europea, Alexis Tsipras, leader della sinistra radicale greca di Syriza, che i sondaggi nel Paese danno nettamente in testa, ha tenuto ieri a Palermo un comizio a sostegno della lista ‘L’Altra Europa per Tsipras’, composta da membri di partiti di sinistra e della composita società civile che ha animato le lotte sociali e per i beni comuni nel nostro Paese in questi anni. Con lui, sul palco, c’erano anche il sindaco di Messina, Renato Accorinti, il coordinatore della campagna europea del Partito della Sinistra europea, Fabio Amato e i candidati locali tra i quali Antonio Mazzeo, no Ponte e no Muos.

“Non diciamo che l’Euro deve essere cancellato, ma che non accettiamo il ricatto che oggi sta alla sua base, fondato su politiche che impoveriscono le società” – ha detto Tsipras nel corso del suo intervento – “Dobbiamo partecipare all’Eurozona come membri paritari, in cui tutti sono uguali e rispettono le regole. Se la Merkel vuole fare un’Europa tedesca, non ci stiamo e le rispondiamo che vogliamo fare l’Europa dei popoli dove anche lei deve rispettare le regole”.

Analizzando il voto per le amministrative in Francia, Tsipras ha poi aggiunto: “Hollande ha pagato elettoralmente le sue scelte che guardavano a destra. E’ un peccato e una cosa difficile da accettare che le socialdemocrazie europee somiglino sempre più alla destra e ai partiti conservatori”. Poi ha spronato i militanti italiani: “Sono candidato della sinistra. Rappresento un programma politico per l’uscita definitiva dalla crisi europea in modo solidale, un complesso di priorità programmatiche contro l’insensata austerity. Vogliamo creare una sinistra nuova. Tutti quelli che si sono affrettati a dire che la sinistra in Italia è finita pur avendo profonde radici storiche hanno commesso un errore”.

Infine, Tsipras ha lanciato la sfida per il superamento del quorum al 4% da parte della lista che in Italia porta il suo nome nel simbolo: “Avremo un buon risultato in Italia e in Grecia e cambieremo le nostre vita e l’Europa”.

Redazione online