Europee, sottoscritto patto tra Pd e Psi di Nencini

Matteo Renzi con Martin Schulz (Elisabetta Villa/Getty Images)
Matteo Renzi con Martin Schulz (Elisabetta Villa/Getty Images)

In vista delle elezioni europee e dell’appoggio alla presidenza della Commissione Europea dell’esponente della Spd Martin Schulz, il vicesegretario Pd Lorenzo Guerini ha annunciato “un patto federativo” per il quale “in ogni circoscrizione, nelle nostre liste saranno presenti anche esponenti del Psi”; secondo l’esponente ‘democratico’ il patto va “nella direzione di un processo federativo che svilupperemo con il Psi”, con un occhio rivolto all’adesione al Partito Socialista Europeo.

Diverso, però, il parere del segretario Psi Riccardo Nencini, in Puglia per una serie di incontri con gli esponenti regionali del partito: “Ho letto l’opinione di Lorenzo Guerini, neo vicesegretario del Pd. E’ la sua opinione, Non è la mia. Il patto con il Pd garantisce la rispettiva autonomia politica e organizzativa come chiaramente scritto e sottoscritto.Chiedo ai compagni di non stare al gioco. Spetterà ad un altro segretario mettere le gambe all’opinione di Guerini”.

Stessa posizione da parte di Marco Di Lello, presidente dei deputati socialisti e portavoce dei parlamentari Psi: “Abbiamo condiviso con il Pd un simbolo comune sotto l’egida del Pse, candidature comuni e un programma comune per le prossime europee. Sottoscriveremo un Patto federativo tra forze autonome ed abbiamo proposto un intergruppo tra parlamentari PD, Sel e Psi per iniziare a lavorare assieme sui grandi temi”. Di Lello precisa: “In ogni caso la nostra proposta è quella di fare un percorso molto diverso da ogni ipotesi di confluenza”.

Redazione online