Grecia: il 50% delle famiglie ha dichiarato un reddito inferiore ai 9500 euro annui

Proteste in Grecia contro l'austerity (Getty images)
Proteste in Grecia contro l’austerity (Getty images)

Secondo gli utlimi dati diffusi dagli uffici delle imposte in Grecia, nel 2012 circa metà delle famiglie greche hanno dovuto sopravvivere con meno di 800 euro al mese.
Infatti, come riporta l’Ansa, il quotidiano greco Kathimerini che cita i dati dell’agenzia, scrive che nel 2013, 2.751.856 contribuenti, con coniugi e figli a carico, hanno dichiarato un reddito annuo inferiore ai 9.500 euro.

Inoltre, dalla dichiarazione risulta che uno nucleo su tre è proprietario di immobili con un valore inferiore a 100mila euro, mentre 600mila famiglie sono proprietarie di un immobile con un valore compreso fra 100mila e 150mila euro, ma con un reddito inferiore a 9.500 euro annui.

Rispetto al 2011, le famiglie con un reddito annuo inferiore ai 9.000 euro sono aumentate in 12 mesi di 207.743 unità.

Nel 2012, 2.339.670 famiglie hanno dichiarato un reddito annuo al di sotto della soglia di 9.000 euro, mentre nel 2013 il loro numero è salito a 2.547.413 unità.

Numeri che sono ora al valgio di una Commissione parlamentare che deve decidere insieme all’Ente greco per l’occupazione della manodopera (Oaed) la distribuzione del pacchetto di aiuti sociali di 450 milioni di euro destinati dal governo alle famiglie più colpite dalla crisi.

Redazione