Processo Pistorius: l’accusa mostra ricostruzione dell’uccisione di Reeva Steenkamp

Oscar Pistorius (Getty images)
Oscar Pistorius (Getty images)

Prosegue a Pretoria, in Sudafrica, il processo a carico dell’atleta Oscar Pistorius accusato dell’omicidio della modella Reeva Steenkamp, avvenuto nella notte del 13 febbraio 2013.
All’indomani della deposizione di Pistorius, nel corso dell’udienza di oggi, l’accusa ha presentato una ricostruzione di come l’alteta abbia potuto uccidere la sua fidanzata sostenendo che non si sia trattato di un incidente, e che l’atleta ha fatto esplodere la testa di Reeva “come un’anguria”.
Nel suo controinterrogatorio il procuratore Gerrie ha mostrato un video all’atleta in cui Pistorius fa pratica con un fucile al poligono di tiro e poi fa esplodere un’anguria con un colpo di pistola,

“Vede l’impatto che il colpo sparato ha avuto sull’anguria? È esplosa, giusto? Lo sa che è la stessa cosa è successa alla testa di Reeva? È esplosa”, ha detto il procutatore all’atleta che ha iniziato a piangere e a balbettare.
L’accusa ha poi insistito affinché Pistorius guardasse il volto proiettato della sua fidanzata intimandolo a prendersi le sue responsabilità.

A quel punto, Pistorius in lacrime ha detto al pm Nel di non voler più vedere quella immagine che lo tormenta, ricordando che lui era presente quella notte.

Redazione

LEGGI ANCHE:
Processo Pistorius: secondo giorno di testimonianza dell’atleta