Privacy. Google esce allo scoperto su analisi delle e-mail per fini pubblicitari

Il logo di Google (Getty Images)
Il logo di Google (Getty Images)

Google esce allo scoperto e comunica in maniera ufficiale ai suoi utenti di analizzare i contenuti di mail e ricerche sul web al fine di garantire dei servizi agli internauti. La pratica che già da molto tempo, anche successivamente alle cause giudiziarie intentate negli Stati Uniti a danno del colosso di Mountain View per ipotetiche violazioni della privacy, era stata denunciata è stata ora resa trasparente da Google grazie ad una specifica inserita nelle condizioni d’uso che chiunque si serva di motori di ricerca e servizi internet offerti dall’azienda americana dovrà sottoscrivere.

Il procedimento analitico avviato da Google sui dati ricevuti grazie ai propri server è di tipo automatico, secondo quanto riferito nelle condizioni d’uso, e consente alla ditta di affidare ad ogni utente contenuti personalizzati tra le quali sono da annoverare spot e trafiletti pubblicitari.

 

Redazione online