Renzi annuncia l’ora ‘x’, ma da Lorenzin è battaglia contro i tagli alla Sanità

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin (Elisabetta Villa/Getty Images)
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin (Elisabetta Villa/Getty Images)

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato questa mattina l’ora “x” con l’hashtag “#oraics”, ovvero l’ora decisiva per i provvedimenti economici del governo, per le 16:30 di oggi, nella conferenza stampa che si terrà dopo il Consiglio dei Ministri in programma per le 15:30. I provvedimenti all’ordine del giorno sono il decreto legge su “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale – Per un’Italia coraggiosa e semplice“, che dovrebbe aumentare di 80 euro mensili la busta paga dei lavoratori con redditi medio-bassi attraverso il taglio dell’Irpef, il decreto legge su “Misure urgenti in favore delle popolazioni dell’Emilia-Romagna colpite dagli eventi alluvionali verificatisi” e infine alcune leggi regionali.

Intanto, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin promette battaglia in CdM contro ulteriori tagli alla Sanità. “Sui tagli alla sanità io sono combattiva fino all’ultimo momento, il sistema nazionale non può reggere tagli lineari“, ha dichiarato oggi Lorenzin in conferenza stampa, mentre a Mix, la trasmissione radiofonica di Giovanni Minoli su Radio24, ha detto: “Non ho pensato di dimettermi ho pensato invece di combattere per spiegare che la politica sanitaria, la salute delle persone ha bisogno di una strategia”. “Se ci sono tagli sugli acquisti a me vanno bene”, ha spiegato il ministro, in vista del CdM di questo pomeriggio. “Nella sanità – ha continuato – ci sono ancora tanti sprechi, nelle lavanderie degli ospedali, nelle mense nella gestione dei rifiuti. Ma non si può andare a toccare i servizi primari alle persone“.

Redazione