Atletica, la Giamaica sforna nuovi Bolt

Usain Bolt (getty images)
Usain Bolt (getty images)

 

La Giamaica si prepara a nuove vittorie nel campo dell’Atletica leggera, in particolare nei 100, 200 e 400 metri, le discipline più veloci dove domina, in particolare nelle prime due distanze, un certo Usain Bolt. Lo scorso weekend si sono disputati i Carifta Games, una manifestazione giovanile in Martinica dove si sono affrontati i giovani sprinter di 25 Paesi dei Caraibi e che nel 2001 vide salire sul podio per la prima volta proprio Usain Bolt (2 argenti sui 200 e 400 in 21”81 e 48”23 all’età di 15 anni). Stavolta a dominare la scena è stato il sedicenne giamaicano Raheem Chambers, studente alla St. Jago School, che si è imposto sui 100 della categoria U.18 (introdotta ai Carifta Games dopo 43 edizioni) in 10”27, record personale seppure favorito da un vento a favore di 1.9 m/s, ma pur sempre entro i limiti. Warseem Williams, anch’egli giamaicano, si è classificato secondo, dopo che in un primo momento aveva vinto lui la gara, scoperta poi irregolare e ripetuta il giorno dopo, visto che si erano uditi due spari del via, che aveva disorientato un pò tutti, compreso Chambers, che poi ha vinto l’indomani alle ore 9. In totale, i connazionali di Bolt, si sono portati a casa 42 ori su un totale di 46, sette volte più del secondo Paese nel medaglie, Trinidad & Tobago. Insomma, dietro Bol, in Giamaica, c’è vita…