Femminicidio nel cuneese, guardia giurata uccide la moglie

Murale contro la violenza sulle donne (Getty Images)
Murale contro la violenza sulle donne (Getty Images)

Ancora un caso di femminicidio, stavolta a Fossano, cittadina di 25mila abitanti nel cuneese; a sparare, uccidendo la moglie, un’insegnante 47enne, una guardia giurata di 53 anni, che ha usato la propria pistola di ordinanza e si è andato a costituire poi nella vicina stazione dei carabinieri. Inutili i soccorsi del 118, che ha provato senza riuscirci a rianimare la donna.

Secondo quanto si apprende, la coppia, che aveva due figli, era prossima alla separazione e proprio questo può aver causato il raptus dell’uomo, di fronte a una situazione presumibilmente ritenuta ormai irrecuperabile.

Redazione online